www.terremotoacastiglione                                    https://www.abruzzoweb.it/contenuti/emilia-allestito-il-campo-abruzzo-per-sfollati-di-cavezzo/479024-4/

INFORMAZIONI  UTILI    GRUPPO  COMUNALE  DI PROTEZIONE  CIVILE

  www.ilmeteocastiglione.        www.protezionecivile.it          

   www.meteoam.it      https://maps.google.it/     www.notizie.net    italia.indettaglio.it/ita/video/video_out.html?  

  www.comune.castiglioneacasauria.pe.it/   www.ingv.it/      www.abruzzometeo.castiglione

                                                      www.VIDEOCASTIGLIONE A CASAURIA

Il territorio si sviluppa in media collina lungo le pendici del Fiume Pescara lato sx; presenta una parte pianeggiante in località San Clemente alla quota altimetrica di circa 200 m s.l.m. per poi salire alla quota del capoluogo, ovvero al centro storico che sta intorno ai 350 m s.l.m. si continua a salire per arrivare sul territorio montano caratterizzato dal monte di Rocca Tagliata e Colle S. Angelo.

Oltre alla frazione San Clemente innanzi citata vi sono altre frazioni, ovvero quella di Cervarano e Madonna della Croce.

Benché parte del territorio di Castiglione a Casauria è delimitato dal Fiume Pescara esso non rappresenta pericolo per eventuali esondazioni o allagamenti in quanto l'alveo del fiume è ben delimitato.

  

Estensione territoriale

17 kmq

Popolazione residente

910

Principali vie di comunicazione

SP Torre de' Pesseri-Castiglione; Autostrada Pescara-Roma, uscita Casauria Torre de' Passeri; Ferrovia Pescara-Roma, fermata Castiglione Tocco

Principali corsi d’acqua

Fiume Pescara

Comuni confinanti

Torre de' Passeri, Bolognano, Tocco da Casauria, Bussi sul Tirino, Pescosansonesco, Pietranico

Altitudine

350 m s.l.m.

 

    

Cos'è la Protezione Civile

"Protezione civile" sono le strutture e le attività messe in campo dallo Stato per tutelare l'integrità della vita, i beni, gli insediamenti e l'ambiente dai danni o dal pericolo di danni derivanti da calamità naturali, da catastrofi e da altri eventi calamitosi.

La Legge n° 225 del 24 febbraio 1992 prevede un "Servizio nazionale" coordinato dal Presidente del Consiglio dei Ministri, attraverso il Dipartimento della Protezione Civile, e composto dalle amministrazioni dello Stato, dalle regioni, dalle province, dai comuni, dagli enti pubblici nazionali e territoriali e da ogni altra istituzione ed organizzazione pubblica e privata presente sul territorio nazionale.

Com'è organizzata la Protezione Civile a Castiglione a Casauria

Il Sindaco è l’autorità locale di Protezione Civile che si avvale del Gruppo Comunale di Protezione Civile, inserita nel settore qualità del territorio, e costituita da 1 coordinatore e da operatori .Il Gruppo è dotato di attrezzature tecniche, di mezzi necessari e di DPI per lo svolgimento delle proprie attività, comprese quelle associative  e provvede al loro mantenimento in perfetta efficienza.Il Gruppo è posto alle dipendenze del Sindaco( in accordo con il Coordinatore Tecnico del Gruppo) ,il quale, nella sua qualità di Autorità Comunale di Protezione Civile.     Il Coordinatore Tecnico del gruppo Comunale predispone e attua le seguenti azioni: Assicurarela partecipazione del gruppo alle attività di Protezione civile (previsione,prevenzione,soccorso e superamento dell’emergenza ; Garantire turni di reperibilità propri e dei componenti del gruppo.

Incendi boschivi

 Il patrimonio forestale abruzzese, uno dei più ricchi di Parchi e Riserve naturali, costituisce un'immensa risorsa per l'ambiente, per l'equilibrio del territorio, per la conservazione della biodiversità e del paesaggio. I boschi, inoltre, sono l'habitat naturale di molte specie animali e vegetali. Essi costituiscono quindi un bene insostituibile per la qualità della vita, per la cui conservazione merita di essere attuata ogni azione di tutela e di salvaguardia.

Ogni anno - per cause dolose o legate a negligenza e disattenzione dell'uomo - estese superfici boscate sono interessate dallo sviluppo di incendi, con ingenti danni al patrimonio naturale, nonché gravi e prolungate ripercussioni sull'ecosistema. Un fenomeno che si ripropone ogni anno nonostante il potenziamento delle forze di intervento di terra e dei mezzi aerei, in allerta 24 ore su 24.
Gli incendi costituiscono non solo un fattore di distruzione e di alterazione degli ecosistemi forestali e ambientali ma anche, come spesso si verifica, situazioni di emergenza che interagiscono con lo svolgimento delle attività umane sul territorio in condizioni di sicurezza. Le alterazioni delle condizioni naturali del suolo prodotte dal passaggio del fuoco favoriscono, inoltre, i fenomeni di dissesto dei versanti provocando, in caso di piogge intense, lo scivolamento e l'asportazione dello strato di terreno superficiale.
I mesi a più elevato rischio sono quelli estivi, quando la siccità, l'alta temperatura ed il forte vento fanno evaporare parte dell'acqua trattenuta dalle piante, determinando condizioni naturali favorevoli all'innesco e allo sviluppo di incendi.
Gli incendi si estendono con velocità determinata dal tipo di combustibile, secondo la direzione impressa prevalentemente dal vento, con la limitazione di eventuali ostacoli naturali o artificiali che, nell'insieme, possono favorire la delimitazione e lo spegnimento degli stessi.
L'ampiezza raggiunta da ciascun incendio è strettamente correlata, a parità di altre condizioni, con la sua durata. La tempestività dell'intervento di spegnimento e le condizioni di operatività costituiscono pertanto, nella fase emergenziale, strumenti di importanza fondamentale per evitare che un ampie superfici boschive vengano distrutte in poche ore.
Per contrastare il fenomeno e perseguire la conservazione del patrimonio boschivo, la Regione Abruzzo ha intensificato le azioni di previsione e prevenzione e migliorato l'efficienza delle strutture e dei mezzi di lotta attiva. E' stata inoltre allestita e resa operativa, 24 ore su 24, la Sala Operativa Unificata Permanente (S.O.U.P) - coordinata dalla Direzione Regionale LL.PP. e Protezione Civile - la cui attività vede impegnati, oltre alla struttura regionale di protezione civile, anche personale del Corpo Forestale dello Stato, del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e le Organizzazioni di Volontariato.
Grazie alla migliore e più efficace organizzazione del complesso modello organizzativo, all'adeguato addestramento e formazione del personale addetto ed alla incisiva campagna di sensibilizzazione e informazione della popolazione, si è registrato negli ultimi anni un deciso miglioramento delle azioni di salvaguardia e di mitigazione delle conseguenze degli incendi, con sensibile riduzione delle superfici boscate percorse dal fuoco e dei danni prodotti dagli incendi sul patrimonio boschivo regionale.
In attuazione della legge 21 novembre 2000 n.353 (legge quadro in materia di incendi boschivi) e nel rispetto degli indirizzi e linee guida emanati dal Dipartimento della Protezione Civile Nazionale, risulta inoltre avviata dalla Regione Abruzzo la fase preliminare per la predisposizione del Piano regionale di programmazione delle attività di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi con l'obiettivo di conseguire, in tempi brevi ed in relazione alle proprie specifiche strutturazioni operative e realtà territoriali, le finalità della legge quadro attraverso un'organica gestione degli interventi e delle azioni mirate alla mitigazione delle conseguenze degli incendi.
NELLA LOTTA CONTRO IL FUOCO E' MOLTO IMPORTANTE LA PREVENZIONE.
Alcune semplici regole comportamentali di uso del territorio finalizzate alla riduzione delle cause d'innesco di incendi:
  • non accendere fuochi fuori dalle aree attrezzate e non gettare mozziconi di sigaretta o fiammiferi ancora accesi nelle aree verdi o quando si viaggia in auto o in treno;
  • gettare i rifiuti negli appositi contenitori: se abbandonati, potrebbero prendere fuoco;
  • non parcheggiare le automobili in zone ricoperte da erba secca: il calore della marmitta potrebbe incendiarle.
In caso di principio di incendio o di incendio attivo
Non bloccare le strade e chiamare immediatamente, senza dare per scontato che qualcuno lo abbia già fatto, uno dei seguenti numeri:
  • NUMERO VERDE DELLA SOUP 800861016 - 800860146 per segnalare incendi boschivi.
  • NUMERI DI EMERGENZA DEL CORPO FORESTALE DELLO STATO 1515 da utilizzare soprattutto per incendi boschivi.
  • NUMERO DI EMERGENZA DEI VIGILI DEL FUOCO 115 da utilizzare soprattutto per incendi che mettono a rischio strutture e vite umane.

 

Volontari di Castiglione scorta del Papa

il Centro — 06 luglio 2010   pagina 08   sezione: L'AQUILA

CASTIGLIONE A CASAURIA. Da quando è stato costituito, circa un anno fa, la missione più importante alla quale il folto gruppo della Protezione civile comunale, composto da circa trenta elementi (nella foto), è stato chiamato è quella relativa alla visita di due gioni fa a Sulmona del Pontefice, Benedetto XVI.  Visita resa in occasione della commemorazione ottocentenaria della morte del Santo Pietro Celestino V e dell’arrivo delle sue spoglie dismesse dalla Basilica di Collemaggio in L’Aquila a causa del sisma dello scorso anno.  I compiti assegnati al gruppo castiglionese sono stati quelli di informazione per i pellegrini, controllo della viabilità, distribuzione delle migliaia di bottigliette d’acqua ai presenti.  «Siamo partiti alle quattro del mattino da Castiglione», racconta il coordinatore Luca Taricani , «per essere operativi, nelle postazioni assegnate, già alle 5».  Il nucleo di volontariato è presiduto dal sindaco Giammarco Marsili , quale massima autorità comunale.  E’ dotato di attrezzature tecniche e dei mezzi necessari per lo svolgimento delle proprie attività, comprese quelle associative.  «Negli ultimi mesi», spiega il vicesindaco Gianluca Chiola , «abbiamo seguito un corso per l’attività di avvistamento anticendio. Siamo ora in attesa di poter avviare questa pratica di prevenzione e ci teniamo molto, visto che il nostro territorio, negli anni scorsi, è stato letteralmente ridotto in cenere da estesissimi incendi dolosi. Oltre alla macchia mediterranea», ricorda l’amministratore, «il territorio di Castiglione è ricco di colture, soprattutto piantagioni di ulivi, e dunque il danno arreccato dalle fiamme è stato notevolissimo». (w.te.) 

 

 

Galleria foto: Homepage

/album/galleria-foto-homepage/babbo-jpg/
/album/galleria-foto-homepage/a164308-800x535-500x334-jpg/
/album/galleria-foto-homepage/img-3753-jpg1/
/album/galleria-foto-homepage/img-3735-jpg1/
/album/galleria-foto-homepage/img-3716-jpg1/
/album/galleria-foto-homepage/img-3649-jpg1/
/album/galleria-foto-homepage/img-2376-jpg1/
/album/galleria-foto-homepage/img-2368-jpg1/
/album/galleria-foto-homepage/madonna-della-croce-jpg1/

Galleria foto: Homepage

/album/galleria-foto-homepage1/castello-2009-jpg/
/album/galleria-foto-homepage1/chiesa-jpg/
/album/galleria-foto-homepage1/la-luce-nel-castello-jpg/
123

Notizie

PIANO D'EMERGENZA COMUNALE

07.06.2012 17:23
si può visionare in Comune
>>

CONVOCAZIONE STRAORDINARIA PER I VOLONTARI

07.06.2012 16:51
Riunione  per sisma in Emilia ore 18:00 del 08-06-2012 nella sede di via san Rocco. Non Mancate Il vicecoordinatore
>>

Emergenza Sisma in Emilia

07.06.2012 16:46
CASTIGLIONE A CASAURIA. Sono partiti per dare il loro aiuto i primi 4 volontari - Liberato Giuliani, Domenico Gaspari, Giuseppe Gaspari e Mario Gagliardone -del gruppo comunale di Protezione civile, diretti a Cavezzo in Emilia, luogo colpito dall'ultimo, recente terremoto. «Siamo stati...
>>

METEO IN ABRUZZO

05.02.2012 13:56
La conformazione orografica dell'Abruzzo determina una diversa risposta alle perturbazioni atmosferiche che raggiungono la nostra regione. È parso opportuno, quindi, suddividere il territorio regionale in due aree meteoclimatiche, che abbiamo indicato con area interna e area...
>>

EMERGENZA NEVE

05.02.2012 13:56
15 volontari sono impegnati per emergenza neve sul territorio
>>

PROTEZIONE CIVILE ABRUZZO

05.02.2012 13:50
numeri VERDI: 800.861.016 - 800.860.146      
>>

Manuale di Protezione Civile

29.01.2012 18:09
Stiamo realizzando un manuale  per i volontari,che sarà consegnato anche ai cittadini. contenuto: MANUALE DI PROTEZIONE CIVILE Informazioni e buone norme di comportamento in caso di emergenza Rischio idrogeologico (alluvioni, frane) Rischio sismicoRischio incendio boschivo
>>

ESERCITAZIONE con simulazione di emergenza e relativa prova di evacuazione.

11.09.2011 11:04
Anno Europeo del Volontariato e Protezione Civile a PRATOLA CONVEGNO SABATO 10 SETTEMBRE 2011 – PRATOLA PELIGNA A QUESTO CONVEGNO IL  GRUPPO COMUNALE  DI PROTEZIONE CIVILE  DI CASTIGLIONE A CASAURIA HA PARTECIPATO  CON  20  VOLONTARI  E CON IL VICE...
>>

CORSO“STANAG 3117”

07.05.2011 00:00
    CORSO “STANAG 3117” PER VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE                                  
>>

Festività Patronali

30.01.2011 15:15
Tutti i volontari sono invitati a comunicare la propria disponibilità,il messaggio è rivolto anche agli aspiranti volontari che hanno fatto il corso base.
>>
Tutti gli articoli
<< 1 | 2 | 3 >>

Cerca nel sito

Foto usata sotto licenza Creative Commons da A Guy Taking Pictures  © 2009 Tutti i diritti riservati.